Isole

Sant Joan de Labritja

Sant Joan de Labritja

Sant Joan de Labritja deve la sua fama alla località turistica di Portinatx, da dove è facile scendere alle spiagge di Gran e Petit s’Arenal e di Portixol. Si tratta di piccole calette raggiungibili l’un l’altra facendo una semplice passeggiata sulla sabbia bianca e fine. Bagnata da un bel mare calmo e circondata da strutture ricettive, è il luogo ideale per le famiglie.

La stagione turistica estiva si prolunga solitamente fino all’autunno, ma sempre più visitatori preferiscono vedere i paesaggi costieri più sconosciuti e incontaminati, le grotte e le torri di Sant Joan durante la bassa stagione, quando i prezzi degli alberghi calano, la folla di turisti è più rada e si riesce ad apprezzare appieno il patrimonio storico dell’isola.

A poca distanza dal borgo di Sant Llorenç, anche questo raggiungibile a piedi, si incontrano un complesso di tipiche case rurali sparse e frequenti soprattutto nei dintorni di Balafia. Queste masserie, ancora oggi di proprietà privata, erano munite di torri difensive che servivano alla popolazione per ritirarsi duranti gli attacchi dei pirati. Le croci bianche dipinte sulla facciata della torre assumono un significato propiziatorio contro simili sventure.

Dal sito di Balafia e percorrendo le campagne di Labritja si possono incontrare pozzi e fontane caratteristici della cultura isolana. In estate, soprattutto presso i pozzi di Aubarqueta o di Baladre, i contadini sono soliti riunirsi per ballare le danze tradizionali e festeggiare la fine del raccolto.

Come in altre zone dell’isola, Sant Joan de Labritja faceva parte di un complesso difensivo che proteggeva la costa, formato principalmente da torri di avvistamento. Si tratta di costruzioni prevalentemente a pianta circolare, dotate di feritoie e postazioni di osservazione protette da caditoie. Una di queste è la Torre del Molar, risalente alla metà del XVIII secolo e posta a guardia di Port de Sant Miguel. L’altra importante torre è quella che domina sulla località di Portinatx, dalla quale si ha una magnifica vista sulle spiagge di Cala Portinatx, Cala de Sant Vicent e Port de San Miguel. Vicino alla bianchissima spiaggia di Cala Sant Vicent si trova un santuario punico costruito in onore alla dea Tanit.

Fra gli angoli più incontaminati della baia a Nord di Ibiza è da segnalare Portixol, dove l’unica presenza umana è testimoniata dalle caratteristiche capanne dei pescatori. In una zona maggiormente urbanizzata, vicino al porto di San Miguel si trova la Cueva de Can Marca, mentre a circa tre chilometri dal porto si trova la Cala de Moltons, una baia caratterizzata da sabbia più grossa e meno frequentata dai turisti, ma circondata dalla natura.

Approfondimenti