Città

Dehesa de la Villa

Dehesa de la Villa Madrid

La Dehesa de la Villa è un parco situato a Nord-Est di Madrid, non lontano dalla Città Universitaria nel quartiere di Moncloa.

Nonostante nel corso della sua storia abbia subito diverse riduzioni di superficie, conserva più o meno intatta la caratteristica di essere un’area boschiva.

La storia della Dehesa va indietro al XII secolo con re Alfonso VII di Castiglia, che entrò in possesso dei terreni su cui sorge il parco, allora denominato Dehesa de Amaniel, dal nome del primo proprietario dei terreni.

La zona venne utilizzata principalmente come pascolo e lentamente andò perdendo il suo querceto, anche a causa di un progressivo inurbamento dell’area.
Nel XVII secolo parte della Dehesa fu venduta per finanziare il trasferimento della Corte a Valladolid e la costruzione del Palazzo Reale.

Il parco ebbe nuovo splendore con Carlo II, che restaurò la Vereda de Carabineros che congiunge la Dehesa con il Buen Retiro e il Pardo.
Con Isabella II il parco fu aperto al pubblico e venne utilizzato dai cittadini come luogo ricreativo. Nella metà dell’Ottocento venne costruito un manicomio, entrato in disuso sul finire del secolo, quando finalmente la zona ritornò ad essere rinverdita con ben 10 mila nuovi alberi.

Durante la Guerra Civile il parco diventò una linea difensiva della città e nei suoi terreni furono scavate trincee e bunker. Oggi la zona verde può vantare di ospitare il Centro di ricerca energetico, medioambientale e tecnologico e l’Istituto Virgen de Palorma.

Elenco dei parchi di Madrid: