Città

Museo Guggenheim

Museo Guggenheim Bilbao

Il progetto della Fondazione Guggenheim è quello di realizzare una grande collezione permanente che si completa progressivamente attraverso una rete museale internazionale. Le città finora coinvolte sono New York, Venezia, Berlino e Bilbao. L’accordo tra la Fondazione e la città di Bilbao, che ha permesso l’apertura del museo nel 1997, fu raggiunto nel febbraio del 1991.

Per la costruzione della sede che avrebbe ospitato il Museo Guggenheim si valutarono i progetti di tre grandi architetti contemporanei: Isozaki, Coop Himmelb e Frank Ghery. Fu proprio quest’ultimo a ottenere l’incarico. L’architetto canadese aveva ideato una struttura di grande impegno architettonico e ingegneristico che è diventata da subito una riconosciuta opera di decostruttivismo contemporaneo.

L’opera di Ghery si compone di linee organiche, tondeggianti e le facciate sembrano fondersi insieme con i soffitti. In tutta la struttura non c’è una superficie piana. Da lontano (il museo è collocato appositamente in una posizione panoramica favorevole) l’effetto è più che sorprendente: i contorni dell’edificio lo fanno sembrare una enorme imbarcazione ormeggiata sul fiume, ma vista dall’alto la struttura ricorda la forma di un fiore. Per ottenere questo risultato sono stati adoperati materiali innovativi e sono state condotte numerose simulazioni al computer. L’edificio è ricoperto con lastre di titanio e una pietra calcarea piuttosto rara che si estrae in Andalusia. I progetti di Ghery sono attualmente esposti al “Peggy Guggenheim” di Venezia.

L’ingresso al Museo Guggenheim è dominato da “Puppy”, la scultura di Jeff Koons che era stata presentata per un’esposizione temporanea ma che ha suscitato critiche positive e molta simpatia nel pubblico. Si tratta di un cane gigante realizzato con fiori che lo fa sembrare un enorme animale di pezza.

Le esposizioni del Museo sono prevalentemente temporanee e vengono dedicate all’arte contemporanea soprattutto nella forma di installazioni e opere multimediali. Saltuariamente in alcune sale del museo sono esposte alcune mostre di arte antica e di antiquariato con il proposito di far incontrare pubblici diversi.

La sala più conosciuta è la Sala Grande, dove di solito si concentra l’esposizione principale delle mostre. La stanza ha una forma che ricorda la sagoma di un pesce ed è anche la più grande del museo. Altre sale hanno invece la forma di un petalo e sono disposte su di un impianto a forma di fiore. Le caratteristiche di questo edificio riescono a mettere in comunicazione lo spazio espositivo con le mostre, accentuando il carattere eterogeneo dell’arte contemporanea.

Elenco dei musei di Bilbao: